Sold Out New

Maschere pizzo piccole 14 x 8 cm regolabili di colore nero

6.00 

MASCHERA PIZZO PICCOLE 14 X 18 CM REGOLABILI DI COLORE NERO € 6 MODELLI ASSORTITI LAVORAZIONE A MERLETTO.

COD: car 22 Categoria:

Le maschere pizzo piccole 14 x 8 cm regolabili di colore nero sono nella storia del merletto si perde nella notte dei tempi ed è legata a congetture o leggende. Per alcuni la tipica lavorazione buranella sarebbe connessa alla tradizione marinaresca degli abitanti della piccola isola, legati alla pesca e di conseguenza alla fabbricazione e alla riparazione in loco delle reti.
Le prime testimonianze delle maschere pizzo piccole regolabili 14 x 8 cm regolabili di colore nero sono lavorate  come i merletti veneziani risalgono alla fine del XV secolo, accompagnate e seguite da un vero e proprio boom editoriale in Europa ed in Italia – specialmente a Venezia – che vide la pubblicazione di centinaia di libri, detti modellari, di disegni per merletti e ricami, ideati dai maggiori incisori e tipografi del tempo.
Una forte spinta delle maschere pizzo piccole regolabili 14 x 8 cm di colore nero alla diffusione di questo tipo di artigianato venne dato dalla dogaressa Morosina Morosini, che alla fine del XVI secolo creò un laboratorio a Venezia, nel quale trovarono impiego 130 merlettaie. Alla sua morte il laboratorio venne chiuso, ma l’arte del merletto continuò ad essere coltivata. Vista la forte richiesta, si studiò di organizzare la produzione e la commercializzazione del merletto veneziano: la Corporazione dei Merciai se ne assunse la prerogativa, organizzando il lavoro nelle case, negli orfanotrofi, nei conventi, negli ospizi, nelle isole, divenendo così nel secolo XVII (epoca del boom del merletto in Europa) una delle corporazioni più ricche di Venezia.

Non bisogna poi trascurare il fatto che le maschere pizzo piccole regolabili 14 x 8 cm di colore nero  essa aggiungeva pure grazia alla femminilità, permetteva di celare costosi abiti e gioielli, vietati dalle “severe” leggi contro il lusso, oppure, tra le trine del merletto a punto Burano, faceva maliziosamente intravedere segrete forme procaci, armi di seduzione capaci di convertire al libertinaggio anche i catoni piu intransigenti. Era proprio quel tipo di bauta a merletto che aveva fatto impuntare il Magistrato alle Pompe, un vestito troppo lussuoso e costoso – ne conveniva lo stesso Casanova – ma, se da una parte si proibiva un certo tipo di bauta, quello più sobrio era invece imposto per legge alle donne che andavano a teatro; ma attenzione, perche alle donzelle in attesa di matrimonio la cosa era invece proibita. E’ questo solo un tentativo legale, ampiamente disatteso, infatti Elisabetta Mocenigo, che va in sposa a Pietro Duodo, già la possiede nel suo corredo nuziale.La bauta era di casa alle feste, nei teatri, nei caffè, negli incontri amorosi, era concessa anche in periodi al di fuori del carnevale, insomma era un capo di abbigliamento per tutte le stagioni, elegante protagonista di ogni importante avventura veneziana.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Maschere pizzo piccole 14 x 8 cm regolabili di colore nero”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.